+39 055.4625052

Le migliori enoteche di Firenze

  • 19 aprile 2018

Come capoluogo della Toscana, Firenze ha una lunga tradizione enologica, basti pensare alla grande varietà di vini prodotti in questo territorio. Inoltre, un'ulteriore conferma di quanto sia importante il vino per Firenze è il gran numero di importanti manifestazioni vinicole che vengono ospitate ogni anno in città. Se pensate di raggiungere la città culla del Rinascimento e volete cogliere l’occasione per una cena informale o una pausa gustosa in un’enoteca ecco per voi amanti del vino qualche indirizzo da ricordare.

Il nostro viaggio alla scoperta delle migliori enoteche di Firenze parte dalla maestosa Piazza Pitti, luogo in cui sorge Pitti Gola e Cantina, piccola e deliziosa enoteca dalla cantina preziosa, piena di vini selezionati e arredata in modo molto elegante. Nata sui resti di una libreria antiquaria, l'enoteca è ottimamente fornita di DOCG toscani, piemontesi, veneti, marchigiani e siciliani, da gustare in accompagnamento ai piatti della cucina fiorentina più verace. Da provare i crostini di fegatini e Vinsanto. Un’altra enoteca assolutamente da non perdere è Coquinarius in via delle Oche 11r, nel cuore di Firenze, dietro Piazza del Duomo. Frequentata soprattutto dai fiorentini e aperta fino a tarda notte, questa enoteca ha una cantina molto internazionale dove ai vini italiani si affiancano etichette provenienti dalla California, dall’Argentina, dall’Austria e dal Cile. Per quanto riguarda la cucina il menù è essenziale ma particolarmente gustoso.

Nel quartiere di San Frediano, in via del Leone 40r, un po' nascosta tra gli eleganti palazzi che caratterizzano questo angolino del centro storico, si trova l’Enoteca Le Barrique, un locale piuttosto raffinato, sia per la qualità di cibo e vini che per la location. Caratterizzato da un ambiente intimo e delicato, propone piatti della tradizione fiorentina, rivisitati strizzando l’occhio alla raffinatezza e all’innovazione culinaria. Da provare assolutamente il misto di carpaccio di tonno, orata, salmone e ombrina. La lista dei vini è curata, concentrata su produttori che non si trovano nella grande distribuzione. In via della Condotta 37r si trova l’Enoteca Gustavino, caratterizzata da un ambiente elegante e dal design moderno e raffinato in cui la cucina toscana viene reinterpretata utilizzando materie prime di qualità. Per quanto riguarda i vini, offre una vasta scelta di etichette italiane ed in particolare toscane.

In zona Ponte Vecchio, e precisamente in Piazza dei Rossi, si trova Le Volpi e L’Uva, una sorta di istituzione quando si parla di enoteche toscane. Qui in un’atmosfera molto accogliente si possono degustare vini di produzione italiana e francese con una particolare attenzione a piccoli produttori selezionati e difficilmente reperibili altrove. Ad accompagnare i vini un'ampia scelta di formaggi e salumi. Sempre in zona Ponte Vecchio, in via de' Bardi 46r, si trova invece l’enoteca Signorvino, un locale stupendo con vista sull’Arno e su Ponte Vecchio, ideale per bere un bicchiere di vino in tranquillità. In questo suggestivo wine shop sono ben 1500 le etichette, soprattutto italiane, divise sugli scaffali per regione di provenienza. Inoltre, c'è anche un piccolo ristorantino che propone alla clientela piatti semplici e di qualità suddivisi per regione. Spesso vengono proposte degustazioni e incontri a tema.

Rimanendo sempre in zona Ponte Vecchio, in Borgo San Jacopo 17, si trova l’enoteca Obsequium, una piccolo paradiso per gli appassionati di bollicine, dove trovare Champagne, Franciacorta, Trento DOC e tante etichette pregiate. Qui è anche possibile scegliere tra diverse proposte di wine tasting: dalla degustazione classica con eccellenze Toscane, alla degustazione dei grandi rossi ovvero le DOCG più famose d'Italia. In via Ghibelllina 87, zona Piazza della Signoria, nel settecentesco palazzo Jacometti-Ciofi è ospitata l'Enoteca Pinchiorri, un delizioso locale dove ogni dettaglio è curato in maniera scrupolosa. Aperta dal modenese Giorgio Pinchiorri e dalla francese Annié Feolde, l'enoteca si fregia di ben tre stelle Michelin ed è particolarmente fornita con oltre 80.000 bottiglie italiane e non, tra cui vini rari da migliaia di euro ma anche etichette meno conosciute e altrettanto interessanti. Oltre al vasto assortimento di vini, dispone di un menù di piatti della tradizione toscana rivisitati.

Da non perdere in via Santo Spirito 66r l’enoteca Il Santo Bevitore, il luogo ideale per gustare una deliziosa cena e bere del buon vino. All'interno di una vecchia rimessa per carrozze caratterizzata da un’atmosfera intima e accogliente come poche vengono serviti classici italiani di stagione con un tocco d’inventiva. La carta dei vini si rinnova periodicamente, così come il menù in abbinamento. In via Panicale 19/r, nei pressi del Mercato di San Lorenzo, dove prima c’era uno storico negozio di alimentari, si trova La Divina Enoteca, un locale molto caratteristico dall'ambiente rustico, con tavoli e vasche antiche in marmo e legno. La selezione di vini spazia su tutto il territorio nazionale e si concentra anche sui piccoli produttori locali, il tutto accompagnato da taglieri di formaggi e salumi. Inoltre, qui è anche possibile trovare una selezione dei migliori distillati da tutto il mondo, dai Rhum Caraibici ai Whisky Scozzesi.

Nel cuore del centro storico, in via delle Oche 27/r, sorge l’Enoteca Alessi, locale storico gestito fin dal 1952 dalla famiglia Alessi, che ha fatto del vino la propria filosofia di vita. La cantina conta oltre 2500 etichette, tra cui Amarone, Barolo e Franciacorta, ma anche un vasto assortimento di vini toscani che spaziano dal Chianti Classico al Brunello di Montalcino. Il tutto accompagnato da deliziosi piatti. Infine, in via dei Federighi 3/r si trova l'Enoteca Vigna Nuova, l’ultima nata in città ma già con le idee chiare. Non è una delle solite enoteche, qui tra vini italiani e d'oltralpe si contano più di 500 etichette, tutte servibili al bicchiere, che possono essere gustate insieme ad una ricercata scelta gastronomica.

Il giudizio degli ospiti