+39 055.4625052

Il miglior street food di Firenze

  • 22 marzo 2018

Firenze è una città famosa non solo per le sue bellezze artistiche e storiche, ma anche per i suoi piatti gustosi e saporiti e per i prodotti tipici con cui sono preparati. Passeggiando per i vicoli del centro storico s'incontrano diversi locali dove mangiare del classico e delizioso cibo di strada toscano. Come diceva il celebre chef Gualtiero Marchesi "Il cibo di strada è il modo più diretto per conoscere la storia di un paese, in tutto il mondo". A Firenze vi aspettano schiacciate, ciabatte, panini, trippa e lampredotto, lo street food fiorentino per eccellenza. Ecco qualche consiglio su dove mangiare il miglior street food di Firenze.

Se dopo aver visitato la Galleria degli Uffizi vi sentite affamati vi basta raggiungere a pochi passi via de’ Neri 74r, dove si trova il famoso All’Antico Vinaio, un must per chi è in cerca di un viaggio gastronomico che coinvolga il meglio dei prodotti tipici toscani in un clima festoso e familiare. Considerato tra i migliori street food nazionali e presentato dalla rivista Savaeur come "home of the world's best sandwiches", prepara deliziose schiacciate ripiene con prosciutto, porchetta, mozzarella, pecorino, crema ai carciofi e la famosa sbriciolona, un salume tipico toscano a base di maiale aromatizzato con semi di finocchio e bagnato nel vino. Un altro locale in cui andare assolutamente è I due fratellini in via dei Cimatori 38r, a due passi da Piazza della Signoria, dove i fratelli Armando e Michele Perrini preparano panini sul momento, con prodotti toscani di primissima qualità accompagnati da un ottimo bicchiere di vino. Ce n'è per tutti i gusti: prosciutto crudo, caprino, salsa verde, salame di cinghiale, salsiccia cruda, melanzana e la specialità lardo marinato.

Un vero e proprio simbolo di Firenze è Da Nerbone in Piazza del Mercato Centrale, a pochi passi dalla Basilica di San Lorenzo, il cui chiosco è attivo dicono dal 1872. Difficile trovare posto se non si arriva presto ma vale veramente la pena aspettare. La sua specialità sono i panini caldi al lampredotto o al bollito, ma meritano di essere provate anche la trippa e la ribollita. Rimanendo sempre in tema di lampredotto, vicino al mercato di Sant'Ambrogio, in via dei Macci 126, davanti al Cibreo, vi è il chiosco di Sergio Pollini, dove si mangia uno dei panini col lampredotto più buoni di Firenze. Il lampredotto di Sergio Pollini è famoso perché è morbido e succulento, ed è possibile assaggiarlo in varie versioni: oltre al classico panino con le salse trovate il lampredotto in inzimino o con fagioli all’uccelletto, con le patate o con i carciofi. Nel chiosco c’è anche la trippa in vaschetta, ma farsi bagnare il panino nel brodo di cottura è un’altra cosa.

In zona Ponte Vecchio vi è una vera e propria istituzione, non come il ponte ma quasi. Si chiama Amici di Ponte Vecchio e il suo gestore Stafano Masini è conosciuto anche come il "Giotto dei Covaccini". Il covaccino è un tipo particolare di schiacciata, molto sottile e condita con sale, che può essere mangiato da solo o accompagnato da formaggi e salumi. Assolutamente da non perdere il suo covaccino a base di stracchino e salsiccia, preparato con l’impasto della pizza e cotto nel forno a legna. Vicino a Ponte Vecchio, in via dei Georgofili 3r/7r, si trova anche ‘Ino, la creatura di Alessandro Frassica, esperto di caci e salumi, dove mangiare panini unici realizzati con ingredienti di alta qualità. Tra i panini più gettonati: Ale, che riunisce la finocchiona, il pecorino fresco con un filo d’olio a crudo, un trito di erbe aromatiche e la mostarda di peperoni dolcemente piccante; e Il Solito, composto da prosciutto crudo toscano leggermente saporito, pecorino fresco dal sapore dolce, tapenade di pesto di olive nere, capperi e acciughe e pomodoro fresco.

In Piazza Lorenzo Ghiberti 44, di fronte al mercato di Sant'Ambrogio, vi è Semel, una piccola paninoteca gourmet dove si preparano ancora i semelli, piccoli panini della tradizione fiorentina, che vengono farciti con le carni tipiche della cucina toscana, maiale, cervo, cinghiale, stracotto d’asino e manzo. Da abbinare ovviamente ad un bicchiere di vino ma se non gradite alcolici chiedete l’acqua del sindaco, non si paga. Per gli amanti del tartufo nell'antica e prestigiosa via de' Tornabuoni, a due passi da Palazzo Strozzi, si trova la storica ditta Procacci, gastronomia fondata nel 1885 da Leopoldo Procacci le cui specialità legate alla lavorazione del tartufo sono un'istituzione fiorentina rimasta ancora oggi intatta. È famosa per i suoi panini tartufati. Infine, la nostra guida alla scoperta del miglior street food di Firenze si conclude dal chiosco de L’antico trippaio in Piazza de Cimatori, dove oltre a trippa e lampredotto, potete assaggiare anche poppa, matrice, porchetta, salumi e salsicce di cinghiale.

Il giudizio degli ospiti