+39 055.4625052

Dieci cose da vedere a Firenze

  • 03 gennaio 2018
Famosa come una delle più belle città del mondo, Firenze è ricca di musei, monumenti, chiese ed opere d'arte. Sono così tante le cose da vedere che diventa praticamente impossibile riuscire a scoprirle tutte in pochi giorni. La città è una sorta di museo a cielo aperto dove ogni angolo regala una piccola emozione. Ecco le 10 cose da vedere a Firenze, da non perdere assolutamente!
 
DUOMO, CAMPANILE DI GIOTTO E BATTISTERO DI SAN GIOVANNI
 
La nostra guida alla scoperta di Firenze non può che iniziare nel cuore del centro storico, da Piazza del Duomo, luogo incantevole circondato di capolavori ed opere d'arte. La piazza è dominata dalla grandiosità della Cattedrale di Santa Maria del Fiore, meglio conosciuta come il Duomo, nonché uno dei principali simboli della città. La cattedrale, la cui costruzione fu progettata da Arnolfo di Cambio, è uno dei capolavori del gotico italiano e rimane ancora oggi il duomo in muratura più grande mai costruito. La sua meravigliosa cupola, che svetta fiera nel cielo fiorentino, fu realizzata su progetto di Filippo Brunelleschi nella prima metà del Quattrocento e ancora oggi incanta chiunque la osservi da lontano. A fianco alla cattedrale si trova il Campanile di Giotto, una tra le più grandi testimonianze dell'architettura gotica fiorentina del Trecento. Una delle caratteristiche più affascinanti del campanile è la ricca decorazione scultorea. Di fronte alla Cattedrale si trova invece il Battistero di San Giavanni, una delle più antiche chiese di Firenze, eretto in onore del patrono della città.
 
 
PIAZZA DELLA SIGNORIA E LOGGIA DEI LANZI
 
Cuore pulsante di Firenze sin dal Medioevo, Piazza della Signoria ospita un gran numero di pregevoli capolavori dell'arte. Considerata una delle piazze più belle d’Italia e non solo, è dominata dalla sagoma turrita di Palazzo Vecchio, sede del potere civile e amministrativo della città. Costruito tra la fine del XIII e l’inizio del XIV secolo, l'edificio è frutto di numerose e complesse modifiche nel corso dei secoli. Al suo interno è allestito un museo che ospita meravigliose sale e appartamenti privati, tra i quali spicca il magnifico Salone dei Cinquecento. Al centro della piazza sono collocati: il monumento equestre di Cosimo I, realizzato dal Giambologna; e la Fontana del Nettuno, realizzata da Bartolomeo Ammannati e da alcuni suoi allievi, tra i quali il Giambologna. Di fronte all’ingresso di Palazzo Vecchio spicca la Loggia della Signoria, detta anche Loggia dei Lanzi, dove è possibile ammirare diverse sculture, la più importante delle quali è sicuramente il Perseo, capolavoro bronzeo di Benvenuto Cellini considerato una delle principali opere della scultura manierista italiana.
 
 
PONTE VECCHIO
 
Un altro simbolo di Firenze è certamente Ponte Vecchio, uno dei ponti più famosi del mondo, il quale si erge sulle tranquille acque dell’Arno laddove il fiume si restringe. Il ponte, come lo si vede oggi, fu eretto nel 1345 dopo che una violenta alluvione aveva distrutto il precedente, infatti, un ponte in quella posizione sorgeva sin dall’epoca romana. È famoso per la sfilza di botteghe di orafi e gioiellieri presenti, ma tuttavia non è stato sempre così, un tempo era occupato da botteghe di pescivendoli, macellai e conciatori, le quali furono "sfrattate" nel 1593 per ordine dell'allora Granduca Ferdinando I. Il ponte durante il giorno è affollato di gente in movimento mentre al tramonto, quando le porte in legno delle botteghe si chiudono, si quieta e diventa uno dei posti più suggestivi e romantici di Firenze. La parte est del ponte è sormontata dal Corridoio Vasariano, un percorso sopraelevato lungo più di un chilometro che collega Palazzo Vecchio a Palazzo Pitti passando attraverso la Galleria degli Uffizi. Costruito nel 1565 dall'architetto Giorgio Vasari, il Corridoio ospita oggi sia una parte della collezione di dipinti del Seicento e del Settecento degli Uffizi che quella degli Autoritratti degli artisti.
 
 
GALLERIA DEGLI UFFIZI
 
Considerato uno dei musei più importanti al mondo, la Galleria degli Uffizi ospita uno straordinario patrimonio artistico, comprendente migliaia di quadri che vanno dall'epoca medievale a quella moderna, un gran numero di sculture antiche, di miniature e di arazzi. Allestita al primo e secondo piano del grande edificio costruito tra il 1560 e il 1580 su progetto di Giorgio Vasari, la Galleria raccoglie opere provenienti dalla collezione privata della famiglia dei Medici. Al suo interno sono conservate opere di inestimabile valore come le raccolte di dipinti del Trecento e del Rinascimento, le quali contengono alcuni capolavori assoluti dell'arte di tutti i tempi realizzati da artisti quali Giotto, Simone Martini, Piero della Francesca, Beato Angelico, Filippo Lippi, Botticelli, Mantegna, Correggio, Leonardo, Raffaello, Michelangelo e Caravaggio. Non meno importante la straordinaria collezione di statuaria e busti dell'antichità, la quale comprende sculture romane antiche, copie da originali greci andati perduti.
 
 
BASILICA DI SANTA CROCE
 
Riconosciuta come una delle chiese più importanti di Firenze, la Basilica di Santa Croce rappresenta una delle massime realizzazioni del gotico in Italia. L'attuale basilica, tradizionalmente attribuita ad Arnolfo di Cambio, fu edificata dal 1295, nel luogo in cui, intorno al 1210, i primi frati francescani fondarono un oratorio. La basilica è conosciuta anche con l’epiteto di "Tempio dell’Itale glorie" in quanto vi sono custodite le spoglie di sommi artisti, letterati e scienziati quali Foscolo, Rossini, Machiavelli, Galileo e Michelangelo, solo per citarne alcuni. Al suo interno è possibile ammirare un immenso ed affascinante patrimonio artistico come i meravigliosi affreschi delle cappelle Bardi e Peruzzi realizzati dal grande Giotto che illustrano scene della vita di San Francesco e San Giovanni l'Evangelista e gli affreschi della Cappella Maggiore realizzati da Agnolo Gaddi che raccontano la "Leggenda della vera Croce". Inoltre, l’omonima piazza su cui affaccia la basilica è uno dei principali luoghi di ritrovo della movida fiorentina e dove si tengono le partite del Calcio Storico Fiorentino.
 
 
CHIESA DI SANTA MARIA NOVELLA
 
Un’altra importante chiesa di Firenze che merita sicuramente una visita è la Chiesa di Santa Maria Novella situata nella piazza omonima nei pressi della stazione ferroviaria che porta il suo nome. Al suo interno è possibile ammirare secoli di storia dell’arte e alcuni dei più importanti artisti del Rinascimento italiano, i cui capolavori sono inseriti perfettamente in uno straordinario contesto architettonico dai lineamenti gotici. Tra le pregevoli opere d’arte conservate al suo interno si segnalano: il "Crocifisso" di Giotto databile al 1290-1295 circa, una delle prime opere note dell'artista; la "Trinità" di Tommaso Guidi, detto Masaccio, databile al 1425-1426, universalmente ritenuta una delle opere fondamentali per la nascita del Rinascimento; e il "Crocifisso" del Brunelleschi databile al 1410-1415 circa, che secondo il Vasari venne scolpito in risposta al Crocifisso di Santa Croce di Donatello, dall'artista criticato per l'esasperato naturalismo.
 
 
GALLERIA DELL’ACCADEMIA
 
Allestita nei locali del medievale Ospedale di San Matteo e nel luogo dove un tempo erano ubicati due antichi conventi, la Galleria dell'Accademia è un importante museo al cui interno è possibile ammirare un gran numero di pregevoli opere d’arte. La galleria è conosciuta anche come il "Museo di Michelangelo" in quanto vi sono esposte alcune delle più importanti sculture del celebre artista rinascimentale italiano, la più famosa delle quali è sicuramente la magnifica statua del David, considerata un vero e proprio capolavoro della scultura rinascimentale, che l'artista realizzò tra il 1501 e il 1504. Le altre sculture di Michelangelo custodite nella galleria sono: i cosiddetti Prigioni, un gruppo di statue rimaste incompiute realizzate per il faraonico progetto della tomba per Papa Giulio II; il San Matteo e la Pietà di Palestrina. La galleria, oltre alle meravigliose opere di Michelangelo, ospita anche capolavori di altri grandi artisti, tra i quali spiccano il modello originale de Il Ratto delle Sabine del Giambologna, la Madonna con Bambino di Botticelli ed alcuni lavori del Perugino.
 
 
GIARDINO DI BOBOLI
 
Posizionato alle spalle di Palazzo Pitti, il Giardino di Boboli è uno dei più importanti esempi di giardino all'italiana al mondo ed è un vero e proprio museo all'aperto, popolato di statue antiche e rinascimentali, ornato di grotte e di grandi fontane. Realizzati tra il XVI e il XIX secolo, dai Medici prima e poi dai Lorena e dai Savoia, i giardini occupano un'area che si estende per circa 45.000 metri quadri, dove è un vero piacere passeggiare. Di notevole suggestione è la zona a terrazzamenti dove si trova il settecentesco padiglione del Kaffeehaus, raro esempio di gusto rococò in Toscana, dal quale è possibile anche godere di un vasto panorama della città. Tra gli altri edifici e statue presenti nel giardino spiccano: la Limonaia, costruita tra il 1777 ed il 1778 su progetto di Zanobi del Rosso; la Grotta del Buontalenti, conosciuta anche come Grotta Grande, capolavoro dell'architettura e della cultura manierista; e la Fontana dell’Oceano ad opera del Giambologna.
 
 
PIAZZALE MICHELANGELO
 
Meta obbligata per chi vuole portare a casa una foto ricordo dello skyline di Firenze, Piazzale Michelangelo rappresenta il più celebre punto di osservazione del panorama cittadino, riprodotto in un gran numero di cartoline. Posto sulla parte alta di Firenze, fu realizzato su disegno dell'architetto Giuseppe Poggi come parte dei grandi lavori di ristrutturazione delle mura cittadine nel 1869, quando Firenze era capitale d’Italia e tutta la città fu rinnovata dal punto di vista urbanistico. È dedicato al celebre artista di cui porta il nome e di cui sono presenti le copie di alcune famose opere: il David e le quattro allegorie delle Cappelle Medicee di San Lorenzo. Nel piazzale è presente anche una loggia in stile neoclassico che domina la terrazza realizzata dallo stesso Poggi. Dal piazzale si può ammirare un fantastico panorama che va da Forte Belvedere alla Basilica di Santa Croce passando per i lungarni e i ponti di Firenze.
 
 
BASILICA DI SAN MINIATO AL MONTE
 
Posizionata in uno dei luoghi più alti della città, ancora più in alto di Piazzale Michelangelo, la Basilica di San Miniato al Monte è un capolavoro dell'arte romanica, nonché una delle chiese più affascinanti di tutta Firenze. Costruita tra l'XI e il XIII secolo, la basilica presenta una bellissima facciata, estremamente elegante, rivestita da marmi bianchi e serpentino verde di Prato che formano disegni geometrici. All'interno spiccano il bellissimo pavimento in marmo della navata centrale risalente al 1207 e l’affascinante Cappella del Crocefisso di Michelozzo con la volta a botte decorata in terracotta da Luca della Robbia. Dal piazzale della Chiesa si può godere di un incantevole panorama della città.
 
 
E allora cosa stai aspettando??? Vieni a scoprire Firenze e le sue imperdibili attrazioni ... ti aspettiamo al Relais Firenze Stibbert!!!

Il giudizio degli ospiti